Il passivo

Una delle cose che nell’apprendimento delle lingue straniere spesso risulta complessa e sembra creare molti problemi è la costruzione della forma passiva dei verbi. In tedesco il passivo a prima vista sembra avere una struttura intricata e molto diversa da quella dell’italiano, però una volta capito il meccanismo con un po’ di pratica si riesce a padroneggiarlo.

Qui proverò a spiegarti nella maniera più semplice possibile come si forma il passivo e ti mostrerò qual era il mio trucchetto al liceo per ricordarmi tutte le forme dei vari tempi.

L’unica differenza sostanziale che c’è tra l’italiano e il tedesco è l’uso dell’ausiliare werden, al posto del nostro essere. Questo aspetto porta a chiedersi cosa succeda allora con i tempi composti. Credo che una tabellina riassuntiva possa semplificare ogni spiegazione teorica.

in Tedescoin Italiano
Ich werde gesehenIo sono visto
Ich wurde gesehenIo ero visto
Ich bin gesehen wordenIo sono stato visto
Ich war gesehen wordenIo ero stato visto
Ich werde gesehen werdenIo sarò visto
Ich werde gesehen worden seinIo sarò stato visto

Come ti dicevo sopra, il passivo si forma con l’ausiliare werden. Quando però abbiamo un tempo composto, occorre utilizzare il verbo essere come ausiliare, seguito dal participio passato del verbo che ci interessa, seguito a sua volta dalla parola worden.

sogg + werden + part. pass.ich werde gesehen
sogg + essere + part. pass. + wordenich bin gesehen worden

Il problema più grosso lo incontriamo quando dobbiamo trasformare al passivo un verbo al futuro. Questo perché anche il futuro si forma con l’ausiliare werden. Ecco cosa succede:

sogg + werden + part. pass. + werdenIch werde gesehen werden
sogg + werden + part. pass. + worden + seinIch werde gesehen worden sein

Ora, il futuro passivo sembra davvero complicato, ma se ti può consolare non viene usato così di frequente, come anche in italiano. Occorre tuttavia conoscerlo.

Nella trasformazione di una frase attiva alla forma passiva è necessario prestare attenzione a soggetto e complemento oggetto. Il soggetto della frase attiva diventa complemento d’agente o causa efficiente nella forma passiva, mentre il complemento oggetto diventa soggetto (vedi tabellina sotto). In italiano complemento d’agente (soggetto logico animato) e di causa efficiente (soggetto logico inanimato) vengono preceduti dalla preposizione da:

Marta è stata accompagnata da suo padre.
Il cane è stato spaventato dal temporale.

In tedesco invece sono due preposizioni differenti a precedere questi due complementi: la preposizione von (+DAT) per l’agente e la preposizione durch (+ACC) per la causa efficiente.

Marta wurde von ihrem Vater begleitet.
Der Hund wurde durch das Gewitter erschrocken.

Ora il trucchetto che usavo io per non rischiare di scordarmi nessun tempo alla forma passiva: prendi una frase semplice con un verbo che riesci a ricordare facilmente e coniuga il verbo in tutti i tempi. La mia frase era “Ich esse den Apfel”. Ecco la tabellina che io mi figuravo durante ogni compito in classe:

Forma attivaForma passiva
Ich esse den ApfelDer Apfel wird von mir gegessen
Ich aß den ApfelDer Apfel wurde von mir gegessen
Ich habe den Apfel gegessenDer Apfel ist von mir gegessen worden
Ich hatte den Apfel gegessenDer Apfel wurde von mir gegessen worden
Ich werde den Apfel essenDer Apfel wird von mir gegessen werden
Ich werde den Apfel gegessen habenDer Apfel wird von mir gegessen worden sein

Una cosa importante da tenere a mente è che solamente i verbi transitivi hanno una forma attiva e una passiva, cioè i verbi seguiti dal complemento oggetto.

Il Zustandspassiv

Perchè si dice ich wurde geboren e non ich bin geboren?
In realtà sono corrette entrambe le forme: la prima ha il focus nel fatto che è stata mia madre a partorirmi e quindi io passivamente sono nato, la seconda invece è un Zustandspassiv e dichiara semplicemente il fatto che sono nato. A mio parere il parlante nel momento in cui sceglie se usare una o l’altra forma non lo fa razionalmente, semplicemente usa quella che soggettivamente lo aggrada di più.

Ad ogni modo, con questo piccolo esempio volevo introdurre il Zustandspassiv, leggermente diverso dalle forme passive normali. prendiamo un esempio semplice:

Die Tomaten sind schon geschnitten.

I pomodori sono già tagliati.

A prima vista si tratta di una forma passiva, ma sei vai a vedere le tabelline sopra ti accorgerai che manca qualcosa: il worden. Entrambe le frasi sono corrette, Die Tomaten sind schon geschnitten e Die Tomaten sind schon geschnitten worden. La differenza sta nel focus del discorso: la prima frase vuole sottolineare lo stato dei pomodori che sono tagliati, mentre la seconda si concentra sull’azione, sul fatto che sono stati tagliati, che qualcuno li ha tagliati.

Il passivo con Man e Es

Man in italiano si traduce con si, il cosiddetto si passivante, quindi la frase in sé ha già un significato passivo.

Man arbeitet an Feiertagen nicht.
Es wird an Feiertagen nicht gearbeitet.
An Feiertagen wird nicht gearbeitet.

Nei giorni festivi non si lavora.

Come vedi per le tre frasi in tedesco (la prima attiva e le atre due passive) c’è solo una traduzione in italiano, in quanto appunto si usa il si passivante. La particolarità di queste frasi sta nel pronome es, che compare solo in posizione uno, quando dovrebbe infatti trovarsi in posizione due per via dell’inversione, cioè dopo il verbo, viene omesso.

Es tuttavia non si trova solo nelle passive con man, ma si trova anche nelle frasi che hanno già un soggetto. Questo si verifica spesso quando l’agente dell’azione che avviene non è specificato:

Ein neues Buch von J.K. Rowling wurde veröffentlicht.

Es wurde ein neues Buch von J.K. Rowling veröffentlicht.

Le due frasi hanno esattamente lo stesso significato: in entrambe manca un agente, qualcuno che abbia pubblicato il libro, per questo si può iniziare la frase con es.

N.B. Sopra ho affermato che una frase attiva può essere trasformata in frase passiva solo se il verbo è transitivo. Nell’esempio Man arbeitet an Feiertagen nicht notiamo il verbo arbeiten, lavorare, che è intransitivo. L’utilizzo del pronome es dà la possibilità di trasformare in passive anche le frasi con verbo intransitivo (che abbiano come soggetto man).
Come ti ho già detto sopra man è il corrispondente del nostro si passivante, quindi sostanzialmente in italiano abbiamo un’unica forma apparentemente attiva, ma con significato passivo, che però si può rendere in tedesco sia alla forma attiva che alla forma passiva.

Passivo coi modali

Riprendiamo la mela:

Forma attivaForma passiva
Man muss den Apfel essenDer Apfel muss gegessen werden
Man musste den Apfel essenDer Apfel musste gegessen werden
Man hat den Apfel essen müssenDer Apfel hat gegessen werden müssen

Cosa succede nelle subordinate?

Es ist klar, dass man den Apfel essen mussEs ist klar, dass der Apfel gegessen werden muss
Es ist klar, dass man den Apfel essen mussteEs ist klar, dass der Apfel gegessen werden musste
Es ist klar, dass man den Apfel hat essen müssenEs ist klar, dass der Apfel hat gegessen werden müssen

In pratica valgono le regole che si usano per i verbi modali, occorre semplicemente applicare ai verbi modali la forma passiva e tenere conte delle regole del doppio infinito.

Fonte GIF in evidenza: Nieselpriem

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: