La via dei borghi

Tornando a casa dal centro di Bamberg verso il paese di Hallstadt (Baviera), in cui vivo, il mio radar ha captato fin dalla prima volta il segnale che indicava la Burgenstraße. Ho sempre pensato si trattasse di una strada che conducesse a dei borghi nelle vicinanze, fino a quando a spasso per il Baden-Württemberg, in particolare in visita al Borgo Guttenberg, mi sono resa conto di trovarmi sulla Burgenstraße.

Fonte: Nordbayern

La via dei borghi (tradotto letteralmente) è una strada che collega le due città di Mannheim (Baden-Württemberg) e Bayreuth (Baviera). In totale conta 780 km e passa per 60 borghi e castelli, in cui fare un tuffo nel passato della Germania medievale.

Fonte: Burgenstraße

L’idea di collegare tutti questi borghi nacque nel 1954, quando le città Mannheim, Heidelberg, Heilbronn, Rothenburg o.d.T., Ansbach e Norimberga si accordarono per collegare i siti di interesse da est a ovest e costruire così una Ferienstraße. La città di Heilbronn si è fatta ideatrice e promotrice di questa iniziativa ed è proprio qui che si trova la sede direttiva del progetto. Nei primi anni 90, con l’apertura dei confini a est, vennero avviati dei contatti con la Cechia (vecchia Repubblica Ceca) ed è nel 1994 che la Burgenstraße venne prolungata fino a Praga. Mannheim è rimasta collegata a Praga tramite la via dei borghi fino al 2018, anno a partire dal quale Bayreuth è tornata ad essere punto il di arrivo, in quanto una collaborazione con la Cechia non è più stata possibile.
Oggi quella a capo del progetto è una vera e propria associazione, che vede membri le città e i comuni in cui passa la strada e i partner culturali e turistici, tra cui castelli, borghi, giardini e hotel.

Heidelberg. Fonte: TUI

Informazioni molto dettagliate e tanti consigli utili si possono trovare sulla pagina web https://www.burgenstrasse.de/Home.html, dove vengono proposti viaggi in camper, in bicicletta, con bambini o con auto d’epoca, per ognuno dei quali vengono elencate attività specifiche. Vengono inoltre proposti sei diversi tour che si concentrano in varie zone dei due Länder della Baviera e del Baden-Württemberg.

Rothenburg ob der Tauber. Fonte: Lonely Planet

Tra i posti collegati dalla via dei borghi personalmente ho visitato Burg Guttenberg, Heidelberg, Heilbronn, Bad Wimpfen, Gundelsheim, Rothenburg ob der Tauber, Norimberga, Memmelsdorf, Coburgo e naturalmente Bamberg. Devo ammettere che non è troppo difficile colpirmi, a me basta vedere due case colorate con dei travi in legno alla tedesca e ho subito gli occhi a cuoricino, però tutti questi posti che ti ho elencato sono bellissimi.

Bad Wimpfen. Fonte: Heilbronnerland

Tranne uno, ce n’è uno che proprio non riesco a capire come possa essere parte di questo percorso, forse proprio per questo è stata tale città a promuovere il progetto, per non esserne esclusa. Sto infatti parlando di Heilbronn, la seconda città più brutta della Germania secondo un ranking stilato nel 2018, (ora sembra essere scesa al 13° posto). Si tratta di una città che durante la seconda guerra mondiale è stata completamente rasa al suolo, quindi l’architettura è molto pragmatica e desolante. Inoltre la presenza incombente di uno dei complessi produttivi di Audi, del colosso Schwarz, proprietario di Lidl e Kaufland, e di tante altre compagnie note in tutta Europa, ha reso Heilbronn una città prettamente industriale, motivo per il quale durante gli anni 80-90 molti immigrati vi si sono recati a cercare fortuna. Se vuoi divertirti vai sulla pagina instagram heilbronnmemes, finita addirittura sui giornali per i suoi memes creativi e ironici.

Uno sguardo sul centro di Heilbronn. Fonte: GGS

Devo spezzare due lance a favore di tale città: pizze napoletane squisite presso i ristoranti Al forno e La taverna vecchia e un gelato italiano, ma italiano per davvero, presso la gelateria Primafila, ma soprattutto, per non uscire dal tema borghi, i dintorni sono spettacolari. Heilbronn è infatti circondata da vigneti e campagna verde, ci sono un sacco di percorsi ciclabili in mezzo alla natura ed è vicino a tantissimi luoghi di interesse collegati dalla Burgenstraße, tra cui Gundelsheim, Bad Wimpfen, Sinsheim, Öhringen e Schwäbisch Hall.

Le mie mete preferite? Rothenburg ob der Tauber in assoluto la più bella per me, non ho visto un singolo angolo che non mi piacesse. Al secondo posto metterei Heidelberg, col suo castello e il ponte che collega la città al lato del fiume in cui si trova un parco e si può salire lungo la Philosophenweg per godere di un panorama su tutta la città. Al terzo posto direi Bamberg, una cittadina dal centro piccolino che è una bomboniera: Il centro è costituito da un’isola sul fiume Regnitz e il cuore del centro è a sua volta un’isola su uno dei due rami in cui il fiume viene diviso.

Fonte immagine in evidenza: Einfach raus

Una opinione su "La via dei borghi"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: