Metodo di studio

6 cose che ti aiuteranno ad ottimizzare le ore sopra i libri

Il titolo parla chiaro: un metodo di studio. Non esistono infatti trucchetti, pillole, danze o rituali vari per imparare in 5 minuti a scrivere, capire e parlare tedesco. Bisogna studiarlo!
A volte però questo non basta, o magari basta a raggiungere il minimo traguardo con un grande sforzo. Questo probabilmente perchè il metodo di studio che stai usando non è il migliore per te, non è quello che ti permette di padroneggiare la lingua come vorresti.

Naturalmente ci sono persone portate per le lingue e che fanno meno fatica ad impararle. Resta il fatto che con un po’ di impegno in più e le tecniche giuste si possono senz’altro ottenere notevoli miglioramenti.

Qui sotto puoi trovare 6 cose che sicuramente ti aiuteranno a fare un grosso passo in avanti.

1.Fatti un bel quaderno!

Fonte: Gli audaci della memoria

Tenere un quaderno in ordine può sembrare una cosa da ragazzine delle scuole medie che hanno tempo di usare pennarelli, pastelli e colle glitterate. Non si tratta di nulla di tutto ciò. Il quaderno deve essere il tuo miglior amico, trattalo come tale! Il giorno prima della verifica o dell’esame sarà lì che troverai tutto quello che ti serve, è pertanto molto importante che tu possa ottimizzare il tuo studio, avendo la certezza di trovare quello di cui hai bisogno. Innanzitutto ti consiglio di tenere una parte di teoria e una parte per gli esercizi. La parte di teoria non deve essere bella, deve piacere a te. Quando apri il quaderno di tedesco devi vedere una cosa che consideri pulita, ordinata e che non ti stressa. Se hai 27 schede sparse per il quaderno, 13 foglietti sparsi per la stanza, gli appunti del 25 gennaio nel quaderno di storia, non appena sentirai la parola tedesco ti verrà la nausea. Curati del tuo quaderno e vedrai che lo studio diventerà più agile e veloce.
Può sembrare una perdita di tempo, ma nel momento in cui scrivi il tuo cervello immagazzina informazioni e sarà molto più facile ricordarti quando andrai a rileggere.

2.Copia gli esercizi sul quaderno.

Fonte: Alpha e Beta

La mia prof al liceo lo ripeteva in continuazione. E allora cosa ho comprato il libro a fare? Ovvio, lo hai comprato per completare gli esercizi che poi andrai a ricopiare sul quaderno. Lo so, è una cosa terribilmente noiosa, apparentemente inutile e senza senso. E allora ti ripeto quello che ho scritto sopra: nel momento in cui scrivi il tuo cervello immagazzina informazioni. Il tedesco è una lingua molto complessa, con delle strutture totalmente diverse da quelle della lingua italiana. Per citare due esempi: subordinate e verbi separabili. L’errore più frequente? Dimenticarsi del verbo alla fine delle subordinate e del prefisso alla fine delle frasi con verbi separabili. Mi dispiace dirtelo, ma l’unico modo per riparare è quello di scrivere. Con il tempo (e una buona dose di pazienza) il tuo cervello si abituerà a queste strutture e tu ti accorgerai se alla fine della frase che stai pronunciando manca qualcosa. Si tratta di un meccanismo molto semplice, che richiede senza alcun dubbio dello sforzo e tanta forza di volontà, ma che sicuramente funzionerà.

3.Le tabelline.

Fonte: Quo Vadis

Ci sono quelle della declinazione degli aggettivi, degli articoli, dei pronomi di ogni genere e sorta, dei verbi, dei paradigmi, delle desinenze. Sbizzarrisciti, più tabelle fai e più sarà facile memorizzare le regole di grammatica. Nell’apprendimento di una lingua la memoria visiva aiuta tantissimo. Non si studiano pensieri filosofici, fatti storici o testi letterari, ma si studia un complesso sistema regolato, composta da elementi che cooperano e che se combinati correttamente trasmettono senso. In una lingua logica come il tedesco le tabelline risparmiano tempo e sono molto efficienti. Basta uno sguardo infatti per vedere quali sono le desinenze del dativo o per capire quale pronome occorra usare. Ti consiglio quindi di fare tante tabelline nella parte di teoria del tuo quaderno, come piacciono a te e per gli argomenti che servono a te.

4.Dai colore a questa lingua.

Fonte: MEMOVIA

Qui tornano in gioco la memoria visiva e il quaderno ordinato: su un foglio bianco scritto con la penna blu o nera, dove l’unico colore diverso è forse quello della penna rossa passerebbe la voglia a chiunque di studiare. I colori non solo ti aiutano ad approcciarti al contenuto in maniera più produttiva, ma ti aiutano a ricordartelo. Ti faccio un esempio banale: tabellina della declinazione degli articoli determinativi, il nominativo in giallo, l’accusativo in verde, il dativo in rosa e il genitivo in arancio. Il giorno dopo, durante la verifica o l’esame sarà più facile ricostruire la tabellina mentalmente se colleghi le sue componenti ai colori con cui hai scritto o evidenziato. Attenzione: non devi esagerare! Se esageri e il tuo quaderno diventa un pastrocchio impressionista di colori, il tuo sforzo sarà controproducente, la memoria visiva andrà in tilt e farai il doppio della fatica a ricordare quello che hai studiato. Ovviamente non ci sono dei parametri di giudizio oggettivi su quando i colori sono troppi o troppo confusionari, l’importante è che il risultato finale ti piaccia e ti renda lo studio più piacevole e agile.

5.Fai delle schede lessicali.

Fonte: Blog Nivel Avanzado

L’unico modo per memorizzare il lessico è quello di ripeterlo. Si tratta purtroppo di un lavoro noioso e che richiede molto tempo, ma è l’unico davvero efficace. In fondo se non conosci le parole a cosa serve sapere la grammatica? Qui il mio consiglio è quello di prendere dei fogli o un intero quaderno a parte, dividere le pagine a metà, scrivere da un lato i termini in tedesco con a fronte la loro traduzione e mano a mano ripeterli senza guardare. L’ideale sarebbe dividerli per argomenti: ad esempio in una sezione il lessico sulla casa, in un’altra gli indumenti, in un’altra ancora la famiglia e così via. Così facendo quando una delle tante parole ti sfuggirà potrai facilmente ritrovarla.

6.Sfrutta i mezzi che ci sono oggi a disposizione.

Fonte: Noktara.de

Se sei al liceo stai tra le 5 e le 6 ore in classe, torni a casa e devi studiare. Poi ci sono gli amici, c’è l’allenamento e c’è la festa il sabato sera. Se sei all’università ci sono lezioni con orari assurdi, sovrapposizioni, il ricevimento dei prof e le feste. Ci sono passata anche io e quando avevo un momento di pausa sicuramente non mi mettevo a tradurre canzoni tedesche o a guardare video su youtube. Eppure, col senno di poi, me ne pento. Se sommassi tutto il tempo che ho sprecato su facebook e instagram verrebbero fuori tantissime ore che avrei potuto spendere in maniera molto più produttiva. Ovviamente si tratta di una scelta, ma il mio consiglio è quello di non sottovalutare il potere del web. Oggi abbiamo accesso a una quantità di contenuti gratuiti che una volta non potevamo nemmeno sognare. E allora prova a ricavati una, due o tre ore a settimana da dedicare alla lingua viva, quella vera che parlano i tedeschi, quella che non trovi sui libri. Se ti piace guardare serie TV ti consiglio Dark, su Netflix, in lingua originale con sottotitoli in tedesco. Davvero molto bella (sta per uscire la terza stagione). Se ti piace la musica rap il tedesco è la lingua perfetta: sembra strano, ma la lingua tedesca si presta incredibilmente bene a giochi di parole e frasi in rima tipiche del genere rap. Il rap ti è utile soprattutto se vuoi imparare la lingua di strada, le parolacce e gli insulti. Il contenuto infatti è spesso volgare, però fondamentalmente anche questa è lingua, quindi perchè no? Tra i protagonisti del rap tedesco trovi Kollegah, Farid Bang, Gzuz, Bonez MC, Bushido, Fler e altri. Se ti serve aiuto a capire il significato dei testi sul sito Genius trovi tutti gli indizi che ti servono. Oltre a Netflix e al rap su youtube puoi trovare video di ogni sorta. Se ti piacciono i documentari sul canale franco-tedesco Arte ne trovi a non finire. Per quanto riguarda la musica tedesca puoi immergerti nel genere dello Schlager, quello che si sente all’Oktoberfest per intenderci, oppure puoi affidarti alle classifiche. Oltre alla musica pop che si sente in radio ti consiglio i due cantanti Clueso e AnnenMayKantereit.

Buono studio!

Fonte immagine in evidenza: ammissione.it

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: